CREDTO D'IMPOSTA LIBRERIE

Finanza Agevolata

Tax credit librerie: domande entro il 29 ottobre 2021

Agli esercenti che operano nella vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati con codice ATECO principale 47.61 (Commercio al dettaglio di libri nuovi in esercizi specializzati) o 47.79.1 (Commercio al dettaglio di libri di seconda mano) è riconosciuto un credito di imposta fino ad un massimo di 20.000 euro per gli esercenti di  librerie indipendenti e di 10.000 euro per gli altri esercenti.

Per effetto del decreto n. 226 firmato dal Ministro della Cultura il 28 giugno 2021, che ha integrato la dotazione ordinaria, le risorse complessivamente a disposizione per il 2021 ammontano a 18.250.000 euro.

Le richieste riferite all’anno 2020 dovranno essere trasmesse entro il 29 ottobre 2021, esclusivamente tramite il sistema predisposto dalla Direzione Generale Biblioteche e diritto d'autore del Ministero della Cultura. Beneficiari del credito d’imposta sono gli esercenti di attività commerciali operanti nel settore della vendita al dettaglio di libri nuovi e usati, come risultante dal Registro delle imprese.

Chi può presentare domanda
Le domande di accesso al credito d’imposta (istituito dalla legge di Bilancio 2018 e disciplinato dal decreto interministeriale n. 215 del 23 aprile 2018) possono essere presentate da esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati con codice ATECO principale 47.61 o 47.79.1, che:
- abbiano sede legale nello Spazio Economico Europeo;
- siano soggetti a tassazione in Italia per effetto della loro residenza fiscale, ovvero per la presenza di una stabile organizzazione in Italia;
- abbiano sviluppato nel corso dell'esercizio finanziario precedente ricavi derivanti da cessione di libri, pari ad almeno il 70% dei ricavi complessivamente dichiarati.

La soglia del 70% dei ricavi sul totale dei ricavi complessivamente dichiarati è da riferirsi alla somma dei ricavi derivanti da cessione di libri sia nuovi che usati nel loro complesso, mentre per “ricavi complessivamente dichiarati” si intendono i ricavi derivanti dalla gestione caratteristica dell’attività, risultanti dall’esercizio finanziario precedente la richiesta.

Calcolo del credito d’imposta
Il credito d'imposta, con riferimento al singolo punto vendita, è parametrato alle seguenti voci:
- IMU (massimale 3.000 euro);
- TASI (massimale 500 euro);
- TARI (massimale 1.500 euro);
- imposta sulla pubblicità (massimale 1.500 euro);
- tassa per l’occupazione di suolo pubblico (massimale 1.000 euro);
- spese per locazione (massimale 8.000 euro, al netto dell’IVA). In tale voce rientrano il pagamento del canone e delle eventuali spese accessorie (ad es.: spese registrazione contratto, ecc.);
- spese per mutuo (massimale 3.000 euro). In tale voce rientrano il pagamento della rata di mutuo, per la parte relativa al capitale al netto degli interessi (per acquisto o ristrutturazione) e le eventuali spese accessorie (ad esempio: spese notarili, di perizia, assicurativi, ecc.). Le spese per il leasing immobiliare non rientrano nella parametrizzazione del credito di imposta;
- contributi previdenziali e assistenziali per i dipendenti (massimale 8.000 euro). Sono esclusi i contributi previdenziali INPS pagati dai soci e quelli obbligatori per i titolari di librerie.
Le voci devono riferirsi agli importi dovuti e pagati nell’anno 2020.

Importo del credito d’imposta
Il credito d'imposta è riconosciuto fino ad un massimo di:
- 20.000 euro per gli esercenti di librerie che non risultano ricomprese in gruppi editoriali dagli stessi direttamente gestite;
- 10.000 euro per gli altri esercenti.
Con riferimento a ciascun gruppo editoriale che ricomprenda una o più librerie gestite direttamente, il credito d’imposta può essere riconosciuto complessivamente, per ciascun anno, per un importo massimo pari al 2,5% delle risorse disponibili.

Invio delle domande
Le domande per richiedere il credito d’imposta devono essere presentate entro il 29 ottobre 2021 (ore 12:00), solo online ed esclusivamente mediante il portale web del Ministero della Culura.

Gallery
Tax credit librerie: domande entro il 29 ottobre 2021
Ti è piaciuto questo articolo?